Il potere dello yin e yang

Equilibrio ed armonia sono tematiche molto ricorrenti nella cultura orientale, secondo la quale l’essere umano è parte del tutto insieme alla natura e al cosmo. Buona parte della medicina orientale alternativa si basa infatti su questo principio, secondo il quale l’equilibrio è la chiave per vivere in armonia con noi stessi e ciò che ci circonda. Questa teoria è conosciuta come  “teoria dello yin e dello yang“.

Yin e yang in origine erano 2 parole che indicavano il lato in ombra e quello in luce della montagna, una simbologia che rappresenta perfettamente l’idea alla base della teoria. Nella cultura orientale si crede infatti che l’essere umano debba mantenersi sempre in equilibrio con l’ambiente circostante e ciò avviene grazie ai flussi di energia interni ed esterni al proprio corpo chiamati “chi”.

Lo yin rappresenta la mente femminile creativa, il lato oscuro, la terra. Lo yang viene associato invece al maschio, al cielo e alla razionalità. Naturalmente qui siamo costretti a riassumere poichè suddetta teoria richiederebbe un vero e proprio trattato filosofico per essere spiegata correttamente, ma è giusto per darvi un’ idea di base.

Il simbolo che rappresenta la logica dello yin yang è il famoso “diagramma della realtà ultima” o tao, il simbolo circolare bianco e nero che spesso siamo abituati a vedere quando si parla di medicina orientale. Esso rappresenta infatti alla perfezione la natura ciclica dell’equilibrio che governa lo yin e lo yang nella loro complessità e reciproca dipendenza.

Nella medicina cinese il corpo umano è composto da parti yin (la parte esterna, e la parte frontale) e da parti yang (la parte interna e il dorso). Le terapie adottate tengono sempre conto di questi aspetti poichè ritengono le malattie una rottura dell’equilibrio fra questi due elementi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *